Elenco Soft Skills per la carriera ed il business

Le soft skills sono le competenze trasversali più importanti, essenziali direi, e ti riguardano da vicino, che tu sia un imprenditore, un manager, un professionista o un lavoratore dipendente.

Spesso siamo portati a pensare che le competenze siano ciò che abbiamo studiato a scuola o all’università o che abbiamo imparato lavorando in un’azienda. Questo è vero, ma solo in parte.

In questo articolo vorrei parlarti delle differenze che ho trovato tra la teoria e la pratica in questi ultimi 16 anni di attività manageriali e di coaching, al fianco di imprenditori, manager e persone in carriera.

Vorrei iniziare condividendo con te una prima importante consapevolezza.

 

Le competenze e la conoscenza sono due elementi distinti

La conoscenza riguarda il sapere, cioè le nozioni che abbiamo appreso e compreso durante i nostri studi o le nostre esperienze.

Le competenze tecnico-professionali, anche dette hard skills, sono quelle che ci permettono “tecnicamente” di svolgere il nostro lavoro. Se sei un ingegnere civile, per esempio, saprai come progettare e far realizzare la costruzione di un palazzo.

Le Soft Skills non sono conoscenza e non sono competenze tecnico-professionali.

 

Quali sono le competenze essenziali per sviluppare i tuoi progetti, il tuo business e la tua carriera?

La questione da tenere a mente è che, indipendentemente dal settore, esistono competenze essenziali che esulano da quelle tecniche e che oggi sempre più determinano la differenza tra un professionista, un imprenditore o un lavoratore di successo o meno.

Le Soft Skills o competenze trasversali sono quindi legate non solo alla sfera del saper-fare ma anche e soprattutto del saper-essere.

Già nel 1973 lo psicologo americano David McClelland pubblicò uno studio in cui dimostrò che non erano un maggiore Q.I. né risultati accademici migliori a determinare il successo di una carriera professionale ma le competenze trasversali, ovvero quei comportamenti abituali che la persona riusciva ad avere nei più svariati ambiti e anche in situazioni non consuete.

Successivamente sono stati fatti numerosi altri studi in merito e sono state realizzate diverse classificazioni. (Data la complessità, la numerosità e la diversità di queste, ti riporto una mia sintesi, che ritengo applicabile nella maggior parte dei contesti.)

 

Quali sono, dunque, le competenze trasversali essenziali?

Competenze di gestione di sé stessi

  • Auto-regolazione e gestione delle proprie emozioni
  • Auto-motivazione, perseveranza, auto-disciplina
  • Consapevolezza di sé stessi e del proprio potenziale
  • Creatività
  • Senso critico

Competenze relazionali e comunicative

  • Saper generare fiducia, saper valorizzare gli altri
  • Assertività, influenza, capacità di leadership
  • Comunicare in maniera rilevante in diversi contesti
  • Saper individuare emozioni e bisogni altrui, empatia
  • Saper collaborare a diversi livelli

Competenze manageriali e strategiche

  • Spinta a realizzare i propri obiettivi, iniziativa
  • Progettare, definire traguardi, piani d’azione e monitoraggio
  • Saper organizzare e riorganizzare
  • Saper analizzare opportunità e rischi di ogni contesto
  • Adattabilità

 

Questi sono i fattori di successo che non possono mancare nello sviluppo della tua attività professionale.

Le Soft Skills, per essere tali, sono osservabili e misurabili in chiave di comportamenti abituali e non di “conoscenze teoriche”. È questo il motivo per cui spesso la formazione tradizionale si rivela inefficace nello sviluppare una competenza. Solo una focalizzazione nel quotidiano, un allenamento specifico e un monitoraggio costanti e prolungati nel tempo portano a un comportamento abituale.

Affinché questo sviluppo sia gratificante e sostenibile, deve essere personalizzato sulla base delle nostre “corde” e delle nostre potenzialità caratterizzanti.

 

Siamo individui che si distinguono per le proprie specifiche competenze personali, relazionali e progettuali.

Tendere a un modello di riferimento “ideale” può portare a un livello inferiore rispetto ad agire facendo leva sulla nostra unicità!

La formazione risulterà tanto più efficace quanto meno sarà adattamento a dei format, ma liberazione e valorizzazione della propria natura e delle proprie capacità.

In fondo ho rilevato proprio sul campo, supportando persone ed imprenditori, che spesso i risultati venivano facilitati ed accelerati quando veniva “rimossa” la formazione standard a favore di un coaching personalizzato.

In un mondo che prevede una sempre maggiore complessità e specializzazione professionale, sono le capacità trasversali a fare la differenza tra un progetto tutto in salita e uno che scorre come un fiume.

Ricorda: sviluppare la tua crescita personale e professionale è la tua mission più importante.

 

Mi auguro che questo testo ti abbia fornito una prima prospettiva sulle Soft Skills. Nei prossimi articoli, se ti farà piacere seguimi, offrirò sviluppi e approfondimenti sulle singole tematiche, proponendo esercizi e allenamenti che ho potuto riscontrare e verificare come efficaci.

E tu? Quali spunti di riflessione ti ha offerto l’articolo? Quali argomenti ti piacerebbe affrontare e quali approfondimenti ti potrebbero interessare maggiormente?

Lascia un commento