La sessione di coaching

Come si svolge una sessione di coaching organizzativo? In cosa consiste?

Una sessione di coaching, in particolare del tipo organizzativo, è l’incontro tra il coach e il cliente che lavorano insieme per raggiungere uno specifico obiettivo del cliente.

Ogni sessione è diversa dall’altra perchè ogni persona è unica, per cui il contesto può essere altrettanto diverso di volta in volta: la sessione infatti si può svolgere presso l’ufficio del cliente, nello studio del coach, telefonicamente o via skype.

Con alcuni clienti, con i quali si è intrapreso un programma di sessioni e la relazione è consolidata, decidiamo insieme anche di scegliere talvolta luoghi fuori dalla quotidianità. Perchè no, dove possibile, a contatto con la natura, al mare, in un bar tranquillo, viaggiando in auto ecc.
E’ il cliente che decide la modalità più entusiasmante ed opportuna, stimolato e in accordo col coach.

 

Qual’è l’obiettivo della sessione di coaching organizzativo?

Ogni cliente ha il suo specifico obiettivo, o meglio una “situazione futura desiderata” da raggiungere.

Compito del cliente è quindi fornire elementi, attraverso il suo racconto, che descrivano la situazione attuale e quella desiderata.

Compito del coach sarà stimolare il cliente, attraverso domande, rinforzi, spunti di riflessione, dati e tecniche creative di pensiero che permettono di allenarsi ad individuare la strategia più efficace per raggiungere la situazione desiderata.

 

Qual’è il valore aggiunto del mio supporto come coach organizzativo?

In particolare la strategia che andremo ad individuare sarà caratterizzata da aspetti organizzativi, che permettono di poter gestire le decisioni prese e di portarle avanti nel day-by-day, cosi’ da creare fondatezza rispetto a quanto immaginato.

Come dicevo ogni sessione è diversa dall’altra, ma posso elencare dei punti cardine su cui generalmente lavorare:

  • Individuazione specifica dell’obiettivo o situazione da raggiungere
    business_coaching
  • Consapevolezza delle potenzialità personali da mettere in gioco
  • consapevolezza delle convinzioni e delle credenze attuali rispetto all’obiettivo
  • organizzazione delle risorse già disponibili e quelle da acquisiRe
  • Organizzazione di una strategia e di un piano d’azione
  • Individuazione degli ostacoli che si potrebbero presentare
  • Individuazione dei facilitatori che permettono di aggirare gli ostacoli
  • Elaborazione di un sistema per monitorare l’andamento del tutto

Fondamentali ed essenziali sono, oltre gli aspetti già sopra descritti, la capacità di creare una relazione di fiducia, in un clima di alleanza, tranquillità e concentrazione e, non ultimo, di assenza di giudizio.

 

Questi elementi, qui brevemente raccontati, permettono di allenarsi ad essere sempre più efficaci..

Si potrà scoprire, in questo modo, di riuscire a fare in un’ora quello che mediamente vien fatto in più ore o anche più.

Il miglior modo resta sempre la sperimentazione e la pratica, per cui…perchè non provare una sessione di coaching organizzativo?

Condividi se ti piace l’articolo e contattami per approfondimenti, buona sessione!
Antonio Cecere